DANIELE GARBUGLIA presenta "Fare fuoco" SEM

PAROLE D'ESTATE 2020 Presso i Giardini Scuola Pascoli Gli spettacoli si tengono alle 21:30, sono GRATUITI, ma è necessaria la PRENOTAZIONE presso il TEATRO LA FENICE (venerdì e sabato dalle 17 alle 20) oppure su www.vivaticket.it

  21:30
Giardini Scuola Pascoli - Senigallia
Ubik Sapere Senigallia
  Locandina
Giardini Scuola Pascoli - Senigallia

Fare fuoco

Garbuglia Daniele

SEM (2020)
16 €
 9788893902557
Una torrida mattina d'estate di fine anni Settanta, in una città del Nord Italia. Fermo su una moto rubata, Orlando conosce a memoria i particolari del piano d'azione. Il Rosso arriverà a piedi dal fondo della strada. Anita finge di telefonare da una cabina sul lato opposto. Alle sette in punto l'obiettivo esce di casa, da solo. Tutto accade in un momento. La pistola del Rosso si inceppa. Tocca a Orlando sparare. Svuota il caricatore. È il suo battesimo del fuoco, l'inizio della sua lotta armata. La sera dello stesso giorno, quando si ritrovano nel covo, i tre brigatisti non sono più le stesse persone di prima dell'azione. Di certo Orlando non è più il giovane antagonista che lotta per un mondo migliore in un paese della provincia adriatica. Adesso è entrato in clandestinità. La cellula terroristica si nasconde in un piccolo appartamento della periferia, rovente per il caldo, con le serrande sempre abbassate per precauzione. I tre vivono insieme, ma tra loro sono estranei. Escono solo per studiare i movimenti dei loro obiettivi, fare la spesa e comprare le sigarette, i giornali. Così passano i giorni, aspettando le indicazioni per la guerriglia dai vertici dell'organizzazione. A volte nella mente di Orlando si insinua il tarlo del dubbio su quello che sta facendo. Non è sicuro che la guerra che combatte sia giusta, ma non può più tirarsi indietro... Daniele Garbuglia racconta la vita quotidiana di una cellula delle B.R. sull'orlo della fine di una sciagurata stagione della nostra storia recente. Un romanzo che trascina il lettore di fronte al dramma sempre ambiguo, opaco, della violenza e delle sue radici.